Incisi

Il Programma Energia del MoVimento 5 Stelle #energia5stelle

 

Segui le attività del M5S in Parlamento: http://www.parlamentari5stelle.it

Seguici sui social
M5S Camera
Facebook: http://www.facebook.com/MontecitorioC…
Twitter: htt

#energia5stelle

 

 

Annunci

Piernicola Pedicini (M5S): Bilancio del primo anno in Europa

 

Piernicola Pedicini - Portavoce M5s Europarlamento  Piernicola Pedicini – Portavoce M5s Europarlamento

E’ passato più di un anno da quando sono stato eletto portavoce al Parlamento Europeo e oggi mi fa piacere poter condividere con voi quello che è stato il mio primo anno di esperienza qui a Bruxelles. La prima cosa che ho pensato , una volta insediato, è che il Parlamento Europeo non è certo come ce lo immaginiamo da semplici cittadini. Non è un luogo, cioè, dove si rappresentano le volontà e le istanze dei cittadini.
In primis perchè chi detta l’agenda è la Commissione Europea vanificando più di una volta la nostra aspettativa di poter discutere argomenti che fanno gli interessi dei cittadini, ma che di fatto poi la Commissione potrebbe non ritenere urgenti o importanti e quindi decidere in propria autonomia su cosa discutere o meno.
Un’altra cosa importante che voglio trasmettervi è la parte relativa all’iter di formazione dei testi, quelli che un domani diventeranno legge. Ebbene, qui gioca tantissimo la mediazione elaborata con il Consiglio Europeo, cioè quell’organismo che rappresenta gli stati membri, ma soprattutto quello che interviene per sollecitazione delle lobby di potere! Da qui capite quanto possa essere sterile nel Parlamento Europeo la rappresentanza vera dei cittadini europei. Un problema che abbiamo, me per primo, il compito di risolvere una volta per sempre. E potete star certi che con tutti i portavoce M5S, oggi come capo delegazione e sino alla fine del mio e del nostro mandato, tutto questa lotta di potere tra stati membri, lobby ed interessi capitalistici vedrà la fine. Noi vogliamo un’ Europa incentrata sulla solidarietà tra stati, un Europa davvero “comunitaria”. Un’ Europa che sia finalmente nostra! Un’ Europa meno ipocrita che abbandoni interessi propri di alcuni stati membri, come per esempio gli sfruttamenti minerari che poi generano guerre e di conseguenza flussi migratori che diventano altresi altri interessi economici, e via di seguito! Voglio personalmente, e immagino, un’ Europa che si concentri sulla “decarbonizzazione”, cioè sull’abbandono delle fonti fossili e vada dritta verso lo sviluppo di energie rinnovabili e più in generale verso lo sviluppo dell’Economia Circolare, cioè in una direzione più equilibrata nell’utilizzo delle risorse fornite da madre Natura e non meramente utilitaria come ci vogliono far passare oggi gli economisti che parlano sempre e soltanto di “crescita”.
Crescita che però oggi vede solo pochi ricchi e tantissimi poveri!
Ecco il modello di Europa che voglio e vogliamo sviluppare. La strada è lunga ma ce la faremo!

140 Paolo Ferraro LA INTERA GRANDEDISCOVERY SINO AL CONSIGLIO DI STATO #rompereilsilenzio

 

Paolo Ferraro Intervista al quotidiano on line IL SOVRANISTA con jacopo Cioni.
Una intervista globale con schede di rinvio, prove audio, piccoli stralci didascalici di audio video, analisi e prospettive di rifondazione della politica sui tre livelli dei poteri, e sulla necessità di ricondurre la politica elettivamente e prioritariamente anche alla distruzione delle strategie eversive in atto. Metodiche strumentazioni ed attività coperte, nomi e ruoli che non possono essere più nascosti e tantomeno sottovalutati.
INTERVISTA DIVISA IN QUATTRO PARTI.
1. il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica. Tornare indietro o andare avanti impattando tutto ciò che ha alterato la politica e disastrato progressivamente istituzioni, Stato e società destrutturando le casematte del terzo livello del potere prioritariamente?!
Il ruolo della politica irretita, subornata, concussa e corrotta distaccatasi e programmaticamente separata dalle matrici costituzionale. Con il mero e solo richiamo al ripristino della sovranità e l’idea base non si può più fare politica utile.
2. EUROPA delle BANCHE od EUROPA delle nazioni?! Direttorio mondiale ed europeo e asservimento e subalternità totali della politica durante la prima grande crisi globale, strutturale e finanziario monetaria dell’era moderna.
Verso il governo mondiale o le vie intermedie nazionali, usando tutto lo strumentario acquisito nella esperienza del secolo passato e controllando anche e vie nazionali ?!
IL quadro geopolitico internazionale ci aiuta e indica la possibilità di costruire una terza via. Il IV REICH globale finale “all’interno” della costruzione progressiva del totalitarismo globale a copertura democratica, mediante metodologie di controllo e invasiva gestione delle istituzioni ed un meticoloso controllo distruttivo dei soggetti. La selezione alla rovescio, e la totale inadeguatezza e asservimento dei mondi della politica etero diretti.
3. LA GRANDEDISCOVERY con le prove e la centralità, nella progressiva eversione dello Stato, dell’opera di un apparato trasversale a basamento militare con vasta collaborazione di servizi internazionali e coperture estese, che ha gestito la implacabile infiltrazione nel mondo della medicina, servizi sociali e magistratura . LA SUPERGLADIO trasversale NAZIKOMM e il ruolo nodale affidato alla psichiatria deviata del progetto sotterraneo.
Il ruolo strategico del TAVISTOCK INSTITUTE ed affiliati e prosecutori.
4. Le strumentazioni segrete e nascoste ormai pubbliche e portate concretamente allo scoperto con prove empiriche e concrete (“percepibili”) e la strategia a basamento socio psichiatrico e giudiziario denudata. IL ruolo destrutturante della controinformazione complottistoide. Quali priorità nell’agire e quale metodo politico.

Grazie a tutti ed a chi saprà apprezzare, cogliere ed approfondire (SCHEDE con lik anche), il lavoro della grandediscovery portato a termine dal CDD.
Ora sapete chi siano alcuni dei principali “sub-burattinai”, quali fili muovano, come operino e sapete che una lunga marcia per ripristinare o creare per la prima volta una reale democrazia passa necessariamente per la contemporanea distruzione del golpe scientifico strisciante.
E conoscete nomi, ruoli, attività, fini tattici e fini strategici (di medio-lungo periodo).
LA POLITICA della denuncia dei politici (e basta) o della mera scalata al Parlamento, coprendo, misconoscendo e non capendo nel frattempo realtà, dinamiche e il ruolo e i contenuti da noi portati nel paese , costituisce il nuovo grande inganno.
Gli aspiranti spazzini della sub o psedo casta politica sanno in pochi o non capiscono di essere strumento del progetto elitario che con i politici vuol distruggere “la politica” e con la distruzione della politica , non appena terminato il lavoro sporco ancora affidato alla politica irrettita, concussa, instupidita e corrotta, giungere alla finale distruzione dei capisaldi etici e politici della stessa Costituzione e delle nostre società.
Fermare questo percorso verso un defnitivo governo oligarchico tecnocratico è possibile solo attraverso una lunga marcia ed una politica ad amplio spettro.
Chi pensa ancora che basta fare a “copocciate di legno coi burattini” nelle istituzioni porta allo sfascio storico mentre le infiltrazioni nei movimenti ed il ruolo affidato alle nomenklaturina sovrappostasi ai movimenti sani (primi tra tutti quello della gente del movimento cinque stelle) vanno superati.
Non è mai troppo tardi ma siamo sul filo delle ultime speranze. Un abbraccio. Un grazie speciale a Jacopo. di cui abbiamo apprezzato serietà impegno etico e la persona.”
Paolo Ferraro
https://www.youtube.com/embed/Opc38-e…
http://www.paoloferrarocdd1.blogspot.it #rompereilsilenzio
#rompereilsilenziosulcasoferraro
#rompereilsilenziosullamagistraturadevia­ta
#rompereilsilenziosullasupergladioedappa­ratideviati
#rompereilsilenziosulgolpestrisciante